La coppettazione (o cupping) è una tecnica di origini molto antiche utilizzata tradizionalmente dalla medicina tradizionale cinese apprezzata soprattutto da chi svolge attività sportiva. Ma esattamente a cosa serve e quali sono le controindicazioni di questo trattamento?
La coppettazione prende il nome dallo strumento principale di cui si serve, ovvero delle piccole coppette (che possono essere di vetro, bambù, ceramica o plastica) che vanno applicate con cura su alcune parti del corpo con funzione di vacuum in modo da stimolare la circolazione sanguigna e linfatica, contribuire ad eliminare i ristagni di tossine e disgregare gli aggregati lipidici del sottocute; viene associata al massaggio connetivale che permette il drenaggio di tali ristagni.
Risulta indispensabile nel trattamento di cicatrici e cheloidi sia post intervento che post trauma